Macerata in finale
tra le 10 candidate a Capitale della Cultura 2020

macerataAlla proclamazione ufficiale manca davvero poco: il 16 febbraio, infatti, alle 11 nella sede del Ministero di Roma verrà annunciata la città Capitale della cultura 2020. Manca poco e ad un mese dal traguardo il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo annuncia le 10 città finaliste. Nell’elenco, insieme ad Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Merano, Nuoro, Picenza, Reggio Emilia e Treviso, c’è anche Macerata. Una grande soddisfazione e un traguardo importante in vista del momento decisivo. Così anche Macerata raggiunge la finale, superando le altre 21 candidate al bando e ora dovrà presentare il progetto per vincere e rappresentare l’offerta turistica, culturale a livello nazionale dando il via al lavoro concreto.

Il sindaco di Macerata, Romano Carancini

“E’ una grande soddisfazione per tutta la città, ma anche per il territorio maceratese, per la nostra gente e per la nostra regione – commenta il sindaco di Macerata Romano Carancini – E’ uno di quei momenti che valgono un intero mandato perchè la scelta della Commissione Mibact riconosce il valore del progetto fra le tante, belle e importanti città italiane. Ora insieme, tutti insieme, ad inseguire il futuro, a correre verso il sogno che diviene realtà”. 

Felicità e orgoglio condiviso anche dal vice sindaco Stefania Monteverde: “Macerata è tra le 10 città candidate a Capitale Italiana della Cultura. Grande soddisfazione, grande festa, grande lavoro di tutti, solto orgogliosa della mia città – ha commentato”.

 

Read more

Tipicità 2018, il crocevia della qualità / VIDEO

Presentazione ufficiale di Tipicità 2018 a Milano, in una sala gremita nella sede dell’ANCI Lombardia.
A condurre l’evento che si è tenuto ieri (4 marzo) il duo Ardemagni-Poli, volti e voci di Rai Caterpillar. Una mattinata intensa, riccca di suggestioni che come accade nella tre giorni di Tipicità coinvolgono i cinque i sensi. Musica con grandi performances eseguite dal vivo e degustazioni di eccellenze del territorio per iniziare col piede giusto il conto alla rovescia verso il 3 marzo, giorno in cui avrà inizio l’edizione del 2018. 

tipicitàTra le dolci colline del Fermano, infatti, dal 3 al 5 marzo come da tradizione va “in onda” la ventiseiesima edizione di Tipicità, organizzata dal Comune di Fermo in collaborazione con la Camera di commercio di Fermo e tanti enti pubblici e partner privati. “Oltre 100 gli eventi in programma e 300 le realtà partecipanti – ha esordito il direttore Angelo Serri – per un Festival che negli anni è diventato un punto di riferimento nazionale, con tante “contaminazioni” internazionali e personaggi noti al grande pubblico”.

tipicitàAnnunciati i primi grandi nomi di Tipicità 2018, tra i quali Emma d’Acquino, conduttrice del TG1-RAI, ed il tristellato chef Enrico Cerea. Non sarà una fiera, ma un articolato sistema comprendente tanti contenitori tematici per immergersi nei “cluster del buon vivere”: qui si ricomincia dalla terra, con un grande giardino delle biodiversità da vivere tra animazioni, laboratori e l’incontro con varietà vegetali in via d’estinzione. Naturalmente il cibo è al centro dell’attenzione, con tante proposte per calarsi nell’incanto della cultura enogastronomica del territorio: Bollicine di Marche, percorso nel quale degustare tutte le espressioni sparkling del “vigneto Marche”; Birra di Marca, che ospita le migliori produzioni di birre artigianali ed agricole; Orizzonte Bio, che mette a contatto il visitatore direttamente con i personaggi, le produzioni ed i terroir della scelta biologica in agricoltura. Il Salone delle qualità enogastronomiche ed il Mercatino delle specialità completano la full immersion tra i cibi locali e si aprono all’incontro con culture italiane ed internazionali: Ai confini del gusto è il contenitore nel quale, ogni anno, realtà estere ed il circuito delle Piccole Italie s’incontrano… nel piatto di Tipicità! In questa edizione ci sarà l’Isola d’Elba, ma anche confronti con Cina, Russia, Emirati Arabi, Stati Uniti, Kazakistan, Moldova ed altri Paesi.
Tuttavia, quel grande contenitore di eventi qual è Tipicità contempla altri numerosi momenti, da vivere: in Accademia, dove si assiste a performance-spettacolo di grandi chef che esaltano il connubio prodotti-territorio, nel Teatro dei Sapori, all’interno del quale sono invece le realtà locali e quelle ospiti a proporre “viaggi del gusto” con presentazioni e degustazioni guidate, mentre a Marche Book Style si esplora il territorio attraverso narrazione e racconto. Inoltre, accanto al cibo, si aprono aree dedicate al “vivere il territorio”, come Tipicità Experience, vero e proprio Grand Tour nelle identità delle Marche, delle “Piccole Italie” e del mondo, insieme ad Art&Genius, expo-laboratorio di manualità, creatività ed innovazione, per ribadire che l’Italia che vince è quella delle sfumature, geniale, creativa ed innamorata del territorio. E la sera, nel suggestivo centro storico di Fermo in un contesto architettonico “da salotto buono”, continua l’esperienza tra cultura, performance e buon cibo, con il programma Tipicità in the city.

Read more

Trippadvisor diventa un libro
La vergara Deborah Iannacci firma il primo tripponario/ VIDEO

trippadvisorSi chiama Deborah Iannacci, con la “i” mi raccomando, per favore non chiedetele di cantare!
Ha 32 anni, un figlio piccolo e un compagno che ironia della trippa ha incontrato proprio grazie a questo progetto nato per caso e in poco tempo diventato un cult.

Chi di voi non segue la pagina facebook trippadvisor?

trippadvisorNelle Marche sono davvero in tanti i sostenitori di questa che oltre ad essere un’idea divertentissima rappresenta anche un contributo importante alla salvaguardia di tradizioni, usi e costumi di questa terra. E, come se non bastasse, oltre ai like sui social che continuano ad aumentare, trippadvisor da ieri non è solo virtuale ma è anche un dizionario tangibile che racchiude parte di tutto quello che Deborah condivide ogni giorno sulla pagina facebook, con tante parole e detti inediti.

Incredibile ma vero, da ieri (giorno della prima presentazione agli Antichi Forni di Macerata), grazie alla casa editrice Giaconi, si può sfogliare il primo tripponario, si possono ricordare le parole dette dai nonni, ci si può divertire leggendo le insolite descrizioni delle frasi più utilizzate nel dialetto marchigiano, vestendo i panni di una vera vergara!

A proposito di questo, chi meglio di Deborah che nel libro riporta anche cinque interviste a delle vergare doc e che per la prima presentazione ha indossato lu zinale, può raccontare che cosa possa significare davvero essere una vergara?

GUARDA ALCUNI MOMENTI DELLA PRESENTAZIONE E LA VIDEO INTERVISTA DI DEBORAH TRIPPA 

 

Read more

Le Marche con i bambini, la guida che mancava

marche coi bambiniSilvia Alessandrini Calisti, Vissia Lucarelli, Lucia Paciaroni. Tre donne, due mamme e una zia – a volte un ruolo ancora più difficile!

In questi anni di vita marchigiana ho avuto modo di conoscerle tutte e tre.

Tre donne, tre blogger, tre comunicatrici. 

E se il tre è il numero perfetto, un team così non poteva che “partorire” un’idea geniale. “Le Marche con i bambini“: è questo il titolo della guida pubblicata dalla casa editrice Giaconi che serviva alle famiglie per andare alla scoperta delle Marche in compagnia dei più piccoli. Centocinquantacinque pagine, divise in capitoli e in province con tanti consigli su cosa vedere, vivere, assaporare, provare e scoprire nel territorio.

marche coi bambiniNon una guida qualunque però, ma un racconto vissuto in prima persona da chi quando ha tempo libero ama viaggiare davvero. Un tour di esperienze vissute e raccontate alle famiglie con figli di età compresa tra 0 e 13 anni, una guida che verrà aggiornata ogni anno per essere sempre precisa e completa. Un insieme di consigli scritti in modo indipendente, esprimendo pareri in modo incondizionato, verificando tutto e dando indicazioni su modalità di accesso, orari e contatti dei luoghi proposti.

E tra le segnalazioni non ci sono solo musei, borghi o munumenti, ma anche parchi giochi pubblici, ristoranti adatti per le famiglie, itinerari per escursioni naturalistiche in montagna ed eventi da non perdere!

La guida si può acquistare in tutte le migliori librerie delle Marche e online sul sito di Giaconi Editore (acquista il libro qui). 

Read more

Il mio RisorgiMarche. De Gregori: poesia in musica tra la natura

risorgimarcheAvevo paura di non riuscire ad arrivare. Non potendo partire presto com’era stato consigliato ero un po’ combattuta. “Che faccio, vado o non vado?”, mi ripetevo guardando i social inondati da fotografie di gente che riempiva i prati dell’Azienda Scolastici ed era accampata già dalle prime ore del mattino per vedere il concerto di Francesco De Gregori a RisorgiMarche. Non ho resistito e sono partita comunque. Un po’ di follia serve per vivere. Il viaggio è andato liscio, solo un po’ di traffico nell’ultimo tratto, un rallentamento di circa mezz’ora, niente di particolare. Il parcheggio è comodo, la zona del concerto molto vicina. Prima di arrivare agli stand dei produttori locali si riesce facilmente anche a prendere una bibita fresca e un gelato, e che gelato!

Sono le 18, l’orario in cui sarebbe dovuto cominciare lo spettacolo, e io riesco anche a trovare un posto poco distante dal “palco”. Sono le 18.30, dopo il soundcheck di qualche minuto, il concerto comincia. Dicono che c’erano trentamila persone, io con i numeri non sono mai andata d’accordo, non so quanti eravamo, ma di sicuro tantissimi. Tutti seduti ad ascoltare quelle poesie. Il sole ancora alto nel cielo limpidissimo, una leggerissima brezza ha aiutato a sopportare un caldo torrido anche a mille metri di altezza. Sinceramente non pensavo di vivere tutte quelle emozioni in un’ora e mezza di concerto. Vedere i sorrisi della gente, rilassata, felice, tranquilla. Vedere qualcuno intonare alcune strofe delle canzoni con tanta serenità, vedere tanti bambini ascoltare della buona musica e nel frattempo giocare sui prati in un luogo paradisiaco mi ha davvero dato una carica positiva fortissima.

risorgimarcheLe Marche sono ricche di questi spazi, di luoghi dove non sembra vero che la natura sia riuscita a fare tutto questo, di posti dove sembra di stare in paradiso. E io che confesso ero un po’ scettica sulla possibilità di farle conoscere con dei concerti, ho capito che tutta questa bellezza arricchita dalle canzoni di grandi artisti, rimarrà nel cuore di molti che forse sapranno raccontarla a tanti altri che finalmente verranno a scoprire questa regione meravigliosa. Verranno a conoscere i luoghi belli, la gente che li abita, che vive questi territori e non li vuole abbandonare.

RisorgiMarche ci sarà anche l’anno prossimo. L’annuncio è stato dato proprio prima del penultimo concerto. Da qui all’anno prossimo speriamo che anche la ricostruzione sia riuscita a partire davvero e che sia il momento di festeggiare la svolta vera!

risorgimarche

Read more

“Solo”, ecco come nasce il gioiello di Daniele Baldoni / VIDEO

solo A Osimo c’è il sole, fa molto caldo, il cielo è limpido. Daniele Baldoni, artista per passione e per professione, è nel suo mondo, quello dove lavora, dove crea ogni volta che ha un’ispirazione e che sente di poter mettere un pezzo di anima in un suo gioiello.

“Solo” un’idea nata in una notte d’inverno, a novembre. Il dente di un lupo unito ad un anello, un ciondolo fatto completamente di bronzo che ogni volta Daniele plasma in un modo unico. solo Un gioiello che, come racconta lui mentre lavora sodo, rappresenta l’io più intimo dell’essere umano, un monile dalla forma astratta e dalla forza evocativa di un amuleto.

Un oggetto senza vita che con tanto impegno e alcune fasi che anche se si ripetono sono sempre diverse, Daniele trasforma in un gioiello che luccica e che emana grandissima forza.

solo

Lo scultore Daniele Baldoni

Mentre crea è concentratissimo, pensa a quello che sta facendo anche se magari nella sua testa, quella prima di tutto di uno scultore, sta già pensando a cosa creare dopo. Parla poco, fa dei gesti che sembrano meccanici e che invece ogni volta sono diversi così come il “Solo” che nasce dopo ore di minuzioso e attento lavoro. Prima prepara il gioiello “grezzo” e poi plasma la materia pensando al collo dove andrà a finire il suo ciondolo, all’abito che arricchirà e alla persona che lo porterà con sé nel suo viaggio.

Una poesia insomma, un modo per far diventare concreta una passione astratta che per Daniele Baldoni è innata. Dopo aver terminato gli studi artigianali, infatti, non può aspettare, sente il bisogno di trasformare i propri pensieri e gli stati d’animo attraverso una mezzo di comunicazione insolito, per pochi: la scultura. Così inizia a creare, a fare mostre, personali e non, a partecipare a progetti e ad emanare la sua “Energia Creativa” in lungo e in largo in Italia. solo I sogni così diventano sempre più reali e con tutta la carica emozionale e di speranza che possono avere, ogni tanto si scontrano con la vita di tutti i giorni che, soprattutto quella di un artista nell’era moderna, è fatta di tanto sacrificio e pazienza per andare avanti e arrivare forse e dopo del tempo indefinito, a raggiungere un obiettivo e magari alla meta prefissata.

Daniele mentre lavora sottolinea più volte che non è facile creare qualcosa, non è facile trasmettere quello che si ha dentro. E lo dice mostrando tante delle sue opere, tanto di quello che ha realizzato nel tempo e che, quando non è parte di una mostra, riposa nel suo laboratorio sotto casa dove lui passa la maggior parte del tempo libero e non. Non è facile. Effettivamente è complicato spiegare quello che si ha dentro con una scultura però questo come l’impegno e la dedizione che Daniele trasmette quando è nel suo mondo, forse dimostra davvero che tutto è possibile!

solo

solo

Read more

Vivi le Marche coi bambini: 5 buoni motivi

marcheC’è il mare ma c’è anche la montagna, ci sono i prati verdi, distese di campi che solo a guardarli fanno venir voglia di correre, di rotolare e di ritornare bambini, ci sono i borghi che sembrano castelli fatati, i vicoli dove passeggiando sembra di essere in una fiaba, ci sono i sapori autentici che ricordano i gustosissimi pranzi che preparano i nonni, ci sono le feste anche quelle dove si torna indietro nel tempo alle dame e ai cavalieri. Insomma non manca niente nelle Marche.

Un luogo meraviglioso, perfetto da vivere anche coi bambini.
Ecco perché.
Cinque buoni motivi anche se ce sarebbero molti di più…

  1. In pochi chilometri si raggiunge sia il mare sia la montagna. 
    E’ proprio così: un bambino nelle Marche può andare al mare la mattina e in montagna la sera e viceversa. La costa marchigiana, dal Conero fino a San Benedetto offre mare più o meno pulito, con alcune spiagge paradisiache e altre perfettamente attrezzate per le famiglie, luoghi ideali per una vacanza tranquilla. Pochi chilometri separano la costa dai monti. Raggiungere i Sibillini, per esempio, dai principali centri della regione è comodissimo, in poco tempo si può arrivare a visitare posti che per bellezza e panorami rimangono in mente per lungo tempo.
  2. campagna zoeI borghi medievali ricordano castelli fatati. 
    Pensate che cosa può frullare nella testa di un bambino che passeggia in uno dei borghi medievali che arricchiscono le Marche, dal mare all’entroterra. Pensate a quello che può pensare un bambino camminando tra i vicoli, magari addobbati a festa durante una delle ricorrenze estive dove si torna indietro nel tempo, sostando in una piazzetta, o trovandosi davanti agli scorci in quei piccoli paesi che hanno un non so chè di fatato. Gli occhi dei bambini si spalancano davanti a tutta questa bellezza e i pensieri vagano ricordando le fiabe che si leggono nei libri, le principesse, le dame, i cavalieri, le fate e le streghe e le loro avventure in questi luoghi prendono vita come per magia.
  3. Le tradizioni sono ancora vive 
    Assistere ad una rievocazione storica, partecipare ad un palio tifando per una contrada, assaggiare un piatto tipico in una sagra di paese. Crescendo così, assaporando i sapori, i profumi, le storie di un luogo ricco di tradizioni come le Marche può fare la differenza. Perché se fin da piccoli si può imparare a riconoscere il bello forse da grandi è tutto più facile. Vivendo coi bambini questa regione, magari in vacanza o per un periodo più lungo, tutto questo è all’ordine del giorno, tradizioni che vivono ancora, che vengono mantenute e tramandate per non essere dimenticate.
  4. cascatelle zoeGli spazi verdi regalano un senso particolare di libertà
    Quante volte vedendo quelle distese di verde tipiche delle colline marchigiane avete pensato di fare una corsa veloce? Di liberarvi di tutte quelle costrizioni della vita di tutti i giorni e rotolare, rotolare. Immagino che, almeno una volta, l’abbiate pensato tutti. Un bambino nelle Marche può sperimentare davvero la natura, può viverla in ogni angolo, può correre in collina, passeggiare in montagna o giocare all’aria aperta in campagna, vivere a contatto con gli animali e crescere in libertà.
  5. I prodotti, nella maggior parte dei casi, sono ancora genuini. Gli ingredienti possono ancora essere a chilometro 0 
    Mangiare sano, provare i sapori autentici, crescere sapendo da dove provengono gli alimenti che vengono messi in tavola. Un privilegio per pochi, non trovate? Nelle Marche è ancora possibile mangiare piatti sani, acquistare frutta, verdura e molti altri generi alimentari direttamente dal produttore, in questa terra è ancora possibile assaporare il buono, conoscere i gusti autentici così come capitava una volta quando i contadini portavano in tavola quello che producevano con amore e dedizione.

Read more

“Sapori in Opera”: 15 mila assaggi gratis e cene a tema a Macerata

L’evento, il primo ufficialmente firmato dall’associazione Mc food&drink, proseguirà durante tutte le giornate dell’Opera: stasera, il 28, il 29, il 30 luglio, il 4, 5, 6, 11, 12, 13 e 14 agosto

Un kit per degustare i prodotti del territorio, assaggiare 19 vini e birre nei locali del centro storico di Macerata che fanno parte della nuova associazione Mc food&drink. Un modo nuovo per accogliere chi viene a vedere l’Opera e, prima o dopo lo spettacolo, ha piacere di fare una passeggiata nelle principali vie della città e sedersi a tavola per un aperitivo o una cena offerta a prezzi particolarissimi (5,8 e 10 euro). 

operaL’iniziativa, fortemente voluta e organizzata in tempi record dai membri dell’associazione, è la prima ufficialmente firmata dal sodalizio che unisce un nutrito gruppo di ristoranti e bar dentro le mura cittadine ed è stata pensata per dare un servizio ancora più completo e di qualità a chi vive in città, ma anche a tutti i visitatori e turisti che la raggiungono da fuori. Sono oltre quindicimila gli assaggi offerti gratuitamente nei bar e nei ristoranti del centro dedicati a chi possiede un biglietto dell’Opera in corso di validità da usufruire utilizzando il kit degustazione consegnato dalle hostess dell’associazione: una sacca per contenere un bicchiere, un carnet con gli assaggi gratis e una mappa con indicati i locali che aderiscono all’iniziativa. Un percorso che, tra le vie della città, accompagna i visitatori davanti allo Sferisterio e quindi all’Opera. Inoltre per avere la certezza di sedersi comodamente a cena prima o dopo lo spettacolo è possibile riservare un tavolo in uno dei locali del tour enogastronomico e scegliere tra uno dei menu pensati per l’occasione proposti a solo 5,8 e 10 euro. L’iniziativa continuerà per dodici serate (22,28,29,30 luglio e 4, 5, 6, 11, 12, 13, 14 agosto) fino all’ultima rappresentazione.

Read more

Domenica in campagna:
laboratori, letture e “Narra la Sibilla”

sibillaImmaginatevi un giardino, un vecchio fienile adibito a luogo per un’esposizione fotografia, aggiungete un frutteto con le piante piene di albicocche e pesche coloratissime, unite un uliveto e una distesa di verde dove in ogni angolo è animato con qualcosa di diverso. Ecco fatto, avete raggiunto “Il giardino della Sibilla”. Un mondo fatto di colori, profumi e sapori dove la casa editrice Giaconi ha deciso di ambientare anche la sua sede, il luogo ideale per presentare libri, organizzare eventi e letture per grandi e piccoli. E, un posto così magico non poteva che iniziare la stagione con tanti appuntamenti messi insieme da un unico filo conduttore: le Marche e i Sibillini, angoli di paradiso assolutamente da vedere e vivere almeno una volta nella vita.

L’appuntamento è per domenica 23 luglio, a partire dalle 15 fino al dopo cena (nel giardino saranno presenti stand gastronomici dove si protranno acquistare prodotti locali), in contrada Santa Croce 7/A a Recanati. Davvero tante le iniziative in programma dalle 17 in poi con letture pensate per bambini e laboratori sull’archeologia e dedicati ai profumi per grandi e piccoli (per i laboratori è previsto un contributo). Spazio a “Il bosco delle lucciole” e al “Giardino delle Fafalle” di Barbara Cerquetti, scrittrice locale che attraverso le leggende e gli aneddoti più particolari e curiosi racconta le Marche, presentazione de “Le Scontafavole” di Elene Belmontesi e del nuovo libro pubblicato dalla casa editrice “Racconti di Marche” pensato e scritto dalla blogger Nadia Stacchiotti.

Un momento della presentazione di “Narra la Sibilla” al Salone del libro di Torino

In serata l’appuntamento è con “Narra la Sibilla” uno spettacolo fatto di letture, interviste e testimoniante fotografiche proposto da Simone Giaconi, editore, da Erika Mariniello, giornalista e dalla fotografa Lucia Paciaroni. Un modo nuovo per raccontare le bellezze della regione attraverso un reading letterario multimediale che fa conoscere il territorio tra storie e leggende. Le letture e gli spettacoli sono gratuiti. 

Read more

Tutti a Castelbellino Arte per una domenica creativa

Domenica all’insegna dell’arte per grandi e piccoli. Castelbellino, piccolo centro in provincia di Ancona bello da visitare durante tutto l’anno, vi aspetta domani (16 luglio) per il secondo week end dell’iniziativa intitolata “Castelbellino Arte”, il festival multidisciplinare promosso dall’assessorato alla cultura del Comune, in collaborazione con la Pro Loco che durerà fino al 23 luglio. Evento che nel ricco programma di appuntamenti vede protagonista il progetto Energie Creative, pensato dall’architetto Valentina Battilà in collaborazione con Desirèe Farabollini, Federico Flamini e la casa editrice Giaconi. A partire dalle 18.30 domani, infatti, partiranno i laboratori artistici per bambini e le visite guidate alle due mostre – la personale di pittura di Francesco Ulissi e la collettiva artisti  – ospitate presso il Museo Civico di Villa Coppetti e accompagnate, stavolta, dalla lettura di un attore. Due i turni disponibili per il pubblico, alle 18.30 e alle 20.30, intervallate dall’aperitivo cena nel Parco di Villa Coppetti (alle 19,30). Ingresso libero e gratuito.

Read more