“Sapori in Opera”: 15 mila assaggi gratis e cene a tema a Macerata

L’evento, il primo ufficialmente firmato dall’associazione Mc food&drink, proseguirà durante tutte le giornate dell’Opera: stasera, il 28, il 29, il 30 luglio, il 4, 5, 6, 11, 12, 13 e 14 agosto

Un kit per degustare i prodotti del territorio, assaggiare 19 vini e birre nei locali del centro storico di Macerata che fanno parte della nuova associazione Mc food&drink. Un modo nuovo per accogliere chi viene a vedere l’Opera e, prima o dopo lo spettacolo, ha piacere di fare una passeggiata nelle principali vie della città e sedersi a tavola per un aperitivo o una cena offerta a prezzi particolarissimi (5,8 e 10 euro). 

operaL’iniziativa, fortemente voluta e organizzata in tempi record dai membri dell’associazione, è la prima ufficialmente firmata dal sodalizio che unisce un nutrito gruppo di ristoranti e bar dentro le mura cittadine ed è stata pensata per dare un servizio ancora più completo e di qualità a chi vive in città, ma anche a tutti i visitatori e turisti che la raggiungono da fuori. Sono oltre quindicimila gli assaggi offerti gratuitamente nei bar e nei ristoranti del centro dedicati a chi possiede un biglietto dell’Opera in corso di validità da usufruire utilizzando il kit degustazione consegnato dalle hostess dell’associazione: una sacca per contenere un bicchiere, un carnet con gli assaggi gratis e una mappa con indicati i locali che aderiscono all’iniziativa. Un percorso che, tra le vie della città, accompagna i visitatori davanti allo Sferisterio e quindi all’Opera. Inoltre per avere la certezza di sedersi comodamente a cena prima o dopo lo spettacolo è possibile riservare un tavolo in uno dei locali del tour enogastronomico e scegliere tra uno dei menu pensati per l’occasione proposti a solo 5,8 e 10 euro. L’iniziativa continuerà per dodici serate (22,28,29,30 luglio e 4, 5, 6, 11, 12, 13, 14 agosto) fino all’ultima rappresentazione.

Read more

Domenica in campagna:
laboratori, letture e “Narra la Sibilla”

sibillaImmaginatevi un giardino, un vecchio fienile adibito a luogo per un’esposizione fotografia, aggiungete un frutteto con le piante piene di albicocche e pesche coloratissime, unite un uliveto e una distesa di verde dove in ogni angolo è animato con qualcosa di diverso. Ecco fatto, avete raggiunto “Il giardino della Sibilla”. Un mondo fatto di colori, profumi e sapori dove la casa editrice Giaconi ha deciso di ambientare anche la sua sede, il luogo ideale per presentare libri, organizzare eventi e letture per grandi e piccoli. E, un posto così magico non poteva che iniziare la stagione con tanti appuntamenti messi insieme da un unico filo conduttore: le Marche e i Sibillini, angoli di paradiso assolutamente da vedere e vivere almeno una volta nella vita.

L’appuntamento è per domenica 23 luglio, a partire dalle 15 fino al dopo cena (nel giardino saranno presenti stand gastronomici dove si protranno acquistare prodotti locali), in contrada Santa Croce 7/A a Recanati. Davvero tante le iniziative in programma dalle 17 in poi con letture pensate per bambini e laboratori sull’archeologia e dedicati ai profumi per grandi e piccoli (per i laboratori è previsto un contributo). Spazio a “Il bosco delle lucciole” e al “Giardino delle Fafalle” di Barbara Cerquetti, scrittrice locale che attraverso le leggende e gli aneddoti più particolari e curiosi racconta le Marche, presentazione de “Le Scontafavole” di Elene Belmontesi e del nuovo libro pubblicato dalla casa editrice “Racconti di Marche” pensato e scritto dalla blogger Nadia Stacchiotti.

Un momento della presentazione di “Narra la Sibilla” al Salone del libro di Torino

In serata l’appuntamento è con “Narra la Sibilla” uno spettacolo fatto di letture, interviste e testimoniante fotografiche proposto da Simone Giaconi, editore, da Erika Mariniello, giornalista e dalla fotografa Lucia Paciaroni. Un modo nuovo per raccontare le bellezze della regione attraverso un reading letterario multimediale che fa conoscere il territorio tra storie e leggende. Le letture e gli spettacoli sono gratuiti. 

Read more

Tutti a Castelbellino Arte per una domenica creativa

Domenica all’insegna dell’arte per grandi e piccoli. Castelbellino, piccolo centro in provincia di Ancona bello da visitare durante tutto l’anno, vi aspetta domani (16 luglio) per il secondo week end dell’iniziativa intitolata “Castelbellino Arte”, il festival multidisciplinare promosso dall’assessorato alla cultura del Comune, in collaborazione con la Pro Loco che durerà fino al 23 luglio. Evento che nel ricco programma di appuntamenti vede protagonista il progetto Energie Creative, pensato dall’architetto Valentina Battilà in collaborazione con Desirèe Farabollini, Federico Flamini e la casa editrice Giaconi. A partire dalle 18.30 domani, infatti, partiranno i laboratori artistici per bambini e le visite guidate alle due mostre – la personale di pittura di Francesco Ulissi e la collettiva artisti  – ospitate presso il Museo Civico di Villa Coppetti e accompagnate, stavolta, dalla lettura di un attore. Due i turni disponibili per il pubblico, alle 18.30 e alle 20.30, intervallate dall’aperitivo cena nel Parco di Villa Coppetti (alle 19,30). Ingresso libero e gratuito.

Read more

Energie Creative in tour, al via da Castelbellino

Inagurata la mostra di Energie Creative protagonista alla 27esima edizione di Castelbellino Arte, evento organizzato nel piccolo centro in provincia di Ancona. L’esposizione, espressione del progetto pensato dall’architetto Valentina Battilà e reso possibile grazie a Giaconi Editore, presenta le opere di oltre 30 artisti marchigiani cuciti insieme da un romanzo – catalogo davvero originale. La mostra. organizzata nelle sale del museo Civico di Villa Coppetti, presenta anche un’area dedicata ad una personale di Francesco Ulissi e sarà aperta al pubblico fino al 23 luglio.

Read more

Festival delle Erbe dei Sibillini
tre giorni di eventi ad Amandola

E’ tutto pronto per la prima edizione del Festival delle Erbe dei Monti Sibillini organizzato ad Amandola. Dopo l’edizione dello scorso anno ospitata ad Ussita, quest’anno l’evento raggiunge il centro nel Fermano dove, da domani (venerdì 7) a domenica (9 luglio), al centro di dibattiti, laboratori e percorsi erboristici, saranno le risorse della terra e i concetti legati alla vita in equilibrio con la natura i protagonisti. Ideato e organizzato da Olis Eventi, il Festival si avvale del patrocinio del Comune di Amandola, della collaborazione delle Case delle Erbe e dell’Associazione Vivere con Gioia. Il Festival sarà un’occasione per conoscere anche la bellezza dei territori immersi nel verde del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, messi a dura prova dagli eventi sismici dei mesi scorsi ma pronti a ripartire con slancio nella promozione turistica, anche grazie a eventi come questo. “Crediamo molto in questa manifestazione – ha dichiarato il Sindaco Adolfo Marinangeli -. Dopo un periodo tanto difficile, riteniamo che questa sia un’importante occasione per continuare a promuovere attività di salvaguardia dell’ambiente , del nostro territorio e prestare attenzione alla natura. Saranno tre giorni significativi per la nostra città, durante i quali si rivolgerà particolare attenzione alla storia dei luoghi, ai sapori e alle tradizioni. Ringrazio infinitamente i promotori che hanno deciso di darci questa grande dimostrazione di solidarietà e vicinanza scegliendo Amandola per questo evento.”

amandola erbe Presente nei tre giorni dell’evento Maria Sonia Baldoni, la Sibilla delle Erbe. Dopo oltre 35 anni trascorsi come consulente finanziaria, da tempo la sua vita è dedicata a veicolare le numerose utilità delle erbe spontanee che riescono anche a creare “sharing economy”, un’economia che poggia le sue basi sulla condivisione. A lei il compito di portare i viaggiatori alla scoperta ed alla catalogazione delle erbe e delle bacche spontanee nei diversi percorsi erboristici. Durante il festival, spazio anche alla naturopatia con la presentazione del progetto “Scuola di Hildegarda – Conseling e Natura”, da parte della dott.ssa Rosa Brancatella, Roberto Ferretti, psicologo, psicoterapeuta, scrittore e cultore della cucina contadina e delle erbe, ci parlerà del suo metodo “Cucina Ciocheciò”, presentandoci un menù alle erbe selvatiche, farine antiche e molto altro. Moreno Pesaresi, esperto in tecniche di coltivazione in agricoltura biologica a basso impatto ambientale, piante officinali, recupero e riconoscimento di piante spontanee, ci guiderà nel mondo degli “Oli essenziali: tecniche estrattive e i loro usi”.

Durante la manifestazione Francesco Grifonelli affronterà il temaCanapa: le potenzialità della pianta”,mentre Stefania Gangemi ci porterà a conoscere meglio i “Fiori di Bach”. Con Daniela Cesaroni scopriremo curiosità e notizie su “Gli orti monastici e i giardini medioevali”. Questi sono solo alcuni degli operatori presenti al Festival, che si occuperà anche di Cosmesi naturale, Yoga posturale e molto altro. Nello Spazio Benessere sarà possibile testare speciali massaggi. Il ricco programma del Festival vedrà alternarsi momenti dedicati al benessere olistico a conferenze e laboratori. Ad Amandola in Piazza Risorgimento ci saranno anche dei mercatini artigianali e la possibilità di gustare menù a tema nei diversi ristoranti e agriturismi della zona. Al Festival non mancheranno alcuni operatori delle “Case delle erbe”, delle realtà che sono innanzitutto un progetto di vita per chi le sta portando avanti in molte regioni d’Italia ma anche occasione di promozione di micro-economie. Un Festival quello delle Erbe dei Monti Sibillini dove la “cultura della Natura” è protagonista, dove i territori, la loro storia, i saperi e i sapori, possono essere conosciuti, apprezzati, vissuti.

Read more

Successo per la Festa della Creatività, musica e arte per ricostruire

festa creatività

Alessandro Sirolli, Associazione Festa della Creatività, Francesco Leoni, sindaco di Roccafluvione e Vittorio Cei

“Il terremoto può distruggere case, vite umane, opere d’arte, ma non riesce a distruggere la creatività umana”. Ha proprio ragione Vittorio Cei, medico specializzato in psichiatria e ideatore della prima Festa nazionale della Creatività del 1999. La Creatività può essere davvero utile a fare rete, mettere insieme artisti e persone comuni nell’ottica di guardare al futuro con spirito positivo e costruttivo. Così, grazie al numeroso pubblico presente, l’evento, realizzato grazie ai fondi dell’Otto per Mille della Tavola Valdese e organizzato dall’associazione 180 Amici in collaborazione con l’associazione Festa della Creatività, con il Gus (Gruppo di umana solidarietà), con il Teatro Rebis e il sostegno di amministrazioni, assessori, professionisti e artisti, ha fatto centro. festa creatività

Un week end di laboratori, incontri, dibattiti, concerti vissuti tra Roccafluvione, il 24 giugno, e il centro storico di Gualdo di Macerata, recentemente riaperto dove ieri, 25 giugno, in tanti si sono riuniti per fare festa. Il “regalo” fatto alle Marche da un gruppo di associazioni de L’Aquila è stato molto apprezzato dai cittadini e da chi ha raggiunto i due centri, uno in provincia di Ascoli Piceno e l’altro nel Maceratese, dai paesi vicini.

Le giornate, tra momenti di puro divertimento, hanno lasciato spazio anche a due interessanti convegni a cui hanno partecipato, oltre ai sindaci, a Vittorio Cei, ad Alessandro Sirolli (dell’Associazione Festa della Creatività), anche il dottor Massimo Mari, gli psicologi Patrizia Isabella Perrone, il dottor Cristiano Bumbaca, dell’associazione Psyplus onlus, l’architetto Michele Schiavoni, Carlo Casini e Francesca Claretti, dirigente dell’Ufficio speciale per la ricostruzione dell’area di Macerata a cui sono state poste molte domande. festa creatività
L’evento per molti è stata l’occasione per rivivere in un’ottica nuova e più positiva i luoghi dove sono nati e cresciuti, riscoperti anche attraverso delle passeggiate organizzate per fare memoria dei ricordi che riaffiorano alla mente del periodo precedente al sisma e per ripensare ad un nuovo futuro in maniera costruttiva. Molti anche i bambini presenti che hanno apprezzato a Roccafluvione l’esposizione dei lavori realizzati nelle scuole, applicando la creatività all’arte di modellare il legno, e a Gualdo di Macerata il laboratorio organizzato dall’associazione degli Asini Bardasci che con la musica e la testimonianza di Maria Teresa Mercuri hanno accompagnato i piccoli in un viaggio attraverso la cultura e la musica popolare. In tanti hanno fatto da pubblico ai concerti organizzati nei due paesi dal tardo pomeriggio fino al dopo cena e hanno applaudito lo spettacolo semiserio “Perchè no?” di e con Vera Vù che ha fatto divertire piccoli e genitori. Grande è la soddisfazione dei primi cittadini Francesco Leoni, sindaco di Roccafluvione e Giovanni Zavaglini di Gualdo e di tutto lo staff che ha contribuito alla buona riuscita del’iniziativa. Vedere il campo sportivo del piccolo centro nell’Ascolano e il centro storico – fortemente danneggiato dal terremoto – di Gualdo nuovamente teatro di eventi capaci di mettere insieme le persone fa ben sperare in una ricostruzione che seppur lenta e complicata sta cominciando davvero.
festa creatività

festa creatività

festa creatività

festa creatività

festa creatività

 

Read more

Magia dei Sibillini, il viaggio parte da Torino
in diretta su Vivi le Marche

Monte Sibilla (ph Lucia Paciaroni)

Un viaggio tra libri e immagini per far conoscere a tutti la magia dei Monti Sibillini. Luoghi misteriosi e leggendari che, ora più che mai, vanno conosciuti e vissuti. Il tour debutta al Salone del libro di Torino venerdì 19 maggio alle 18.30 nello stand della Regione Marche

“Narra la Sibilla”. Un titolo importante per un progetto ambizioso pensato da Giaconi editore in collaborazione con Vivi Le Marche, nato con una missione condivisa: raccontare attraverso le parole scritte nei libri pubblicati dalla casa editrice, con le immagini – le foto di Lucia Paciaroni e i video di Erika Mariniello – e con le storie di chi sui Monti Sibillini è nato e vissuto, un territorio magico e ineguagliabile. I Monti Sibillini con i colori, i profumi, i panorami che li caratterizzano sono una delle mete da non perdere e soprattutto da vivere nelle Marche.

Monte Bove dal Fargno (ph Lucia Paciaroni)

Così, a 9 mesi dalle prime scosse di terremoto che hanno fatto tremare questa regione e tutto il centro Italia, si guardano con altri occhi le bellezze di questo territorio che nonostante tutto deve rinasce e ripartire. Proprio per questo e anche grazie alla grande quantità di storie, leggende, informazioni e suggestioni raccolte in questi anni nei libri pubblicati dalla casa editrice indipendente marchigiana Giaconi, nasce la voglia di portare fuori dai confini locali questo immenso patrimonio in un viaggio tra la gente. Si parte dalla prestigiosa platea del Salone Internazionale del Libro di Torino con un primo appuntamento in programma domani (19 maggio alle 18,30) nello stand della Regione Marche e trasmesso in diretta streaming anche da Vivi le Marche, dove l’editore Simone Giaconi e la giornalista Erika Mariniello daranno il via a questo viaggio. Perchè anche dopo il terremoto, nonostante le difficoltà ancora da superare, nonostante la paura, si va avanti perchè le bellezze naturalistiche, i panorami e soprattutto le storie e le tradizioni di questi luoghi sono rimaste intatte e devono essere raccontate. 

Monte Bove (ph Lucia Paciaroni)

Le immagini della blogger e fotografa Lucia Paciaroni accompagnano le letture tratte dai libri degli scrittori che hanno ambientato le loro storie lasciandosi trasportare dal mito della Sibilla Appenninica. Il romanzo “Il segreto della Sibilla Pastora” di Enrico Tassetti e i libri per ragazzi “Il bosco delle lucciole” di Barbara Cerquetti, “Le Scontafavole” di Elena Belmontesi oggi costituiscono un prezioso strumento per salvaguardare l’identità del territorio e per spingere tutti a vivere una terra in difficoltà, passando dalle pagine dei libri ad un tour virtuale nei luoghi di ambientazione che però può diventare facilmente reale. Torino sarà la prima tappa di un lungo percorso che accompagnerà chi vorrà conoscere e vivere le Marche con le parole della maga Sibilla, simbolo di una leggenda che ha ispirato studiosi e scrittori.

Dal Monte Bove (ph Lucia Paciaroni)

Dal Monte Bove (ph Lucia Paciaroni)

Read more

Tipicità, il Grand Tour delle Marche
parte da Frasassi

Presentato il Grand Tour delle Marche 2017 nella meravigliosa sala dell’abisso Ancona, tanti i presenti tra amministratori, giornalisti e imprenditori 
frasassi tipicitàVivere le Marche è davvero il modo migliore per conoscerle. Dice bene lo slogan scelto da ANCI e Tipicità per il ciclo di eventi in programma per l’edizione del Grand tour 2017 presentato nella meravigliosa cornice delle Grotte di Frasassi a Genga, tra le stalattiti e le stalagmiti dell’abisso Ancona. Ben 28 appuntamenti in  programma, dalla trota di Sefro a Tipicià in blu, con la città dorica capitale della blu economy, passando per il brodetto alla zafferanella di Porto Recanati, quello in versione “rossa” di Porto San Giorgio. Il territorio fabrianese si presenta in versione turismo attivo con la “Frasassi Wild Experience”, mentre a Castelraimondo torna il rito dell’Infiorata del Corpus Domini. A Capodarco di Fermo appuntamento con il cinema dedicato al sociale, mentre Recanati propone “In festa con Giacomo” ed “Amantica”. Dal 1° luglio, fino alla fine di agosto, eccellenze marchigiane in mostra a Fermo, con una serie di appuntamenti per conoscere le singole specialità. E poi ancora eventi, come quelli dedicati alla patata dei Sibillini a Palmiano, al merletto a Venarotta, al Verdicchio a Matelica e a Montecarotto, ma anche al tartufo di Acqualagna ed al polentone di Piobbico. mappa grand tourPollenza propone la manifestazione del restauro e del mobile antico, mentre Montappone la Festa del cappello. Altri appuntamenti in programma: a Monte Urano, con la calzatura, ad Ascoli Piceno, con Ascoliva, a Castignano con Templaria, a Senigallia con Pane Nostrum e a Castelfidardo con il Premio Internazionale della Fisarmonica. Nell’autunno marchigiano spazio anche allo Stoccafisso di Porto Sant’Elpidio, ai sapori del bosco di Acquasanta Terme, alla mela rosa dei Sibillini di Montedinove ed alla Cicerchia di Serra de’ Conti. “Ripartiamo dagli oltre 250.000 visitatori dell’edizione 2016”, esordisce Angelo Serri, direttore di Tipicità, che ha specificato: “La novità di quest’anno è che ciascuno degli eventi diventa fruibile, a livello italiano ed internazionale, attraverso un’innovativa applicazione realizzata con un grande lavoro di squadra, che consente di costruire e poi acquistare un’esperienza di viaggio su misura.” frasassi tipicitàIl Grand Tour delle Marche – sottolinea Goffredo Brandoni, vicepresidente ANCI Marche – è il circuito di eventi promosso da Anci Marche e messo a punto dal team di Tipicità in occasione di EXPO 2015. Oggi è una realtà consolidata che conta ben 28 tappe in altrettante comunità locali. “Non si può prescindere dal turismo, parlando di sviluppo del sistema socio economico marchigiano”. Nunzio Tartaglia, direttore generale di UBI-Banca Popolare di Ancona, puntualizza che il grande valore aggiunto del Grand Tour è quello di creare una “forza di penetrazione” impensabile per le singole località e per i singoli eventi. Tutte le informazioni per godere al meglio l’esperienza Marche sono reperibili nella piattaforma www.tipicitaexperience.it, con pacchetti turistici appositamente concepiti, proposte di shopping aziendale e la possibilità di costruirsi il proprio “menù” di viaggio personale.

Read more

Degusta la natura
con Alessandro Magagnini

“Questo è il sedum acre” – dice Alessandro Magagnini, florovivaista di Recanati mentre, durante un aperitivo, fa degustare una Green Cake, una torta verde realizzata con erbe spontanee e aromatiche che si possono mangiare. Lo sguardo di chi, forse per la prima volta, assaggia un’erba aromatica come se sgranocchiasse una patatina è curioso così come la richiesta di Alessandro.

Natura“Non vi preoccupate – aggiunge – in natura il 75% delle erbe non è commestibile, ma tranquilli, le erbe sono nocive solo se mangiate in grandi quantità se no sono davvero gustose”. Insomma, come in ogni cosa è la misura che conta, anche per mangiare erbe, fiori e piante bisogna essere informati e guidati. E chi se non Alessandro Magagnini “concepito in serra” come svela lui può accompagnare meglio grandi e piccoli in questo magico e originale viaggio? Un viaggio che, come è già accaduto per artisti, uomini di cultura e nomi importanti, parte dalle Marche. Da Recanati precisamente dove Alessandro è nato e lavora nella serra di famiglia. Le Marche sono anche questo. Un luogo dove la natura è parte integrante del paesaggio, arricchisce la vita di tutti i giorni, dove i campi fioriti, i paesaggi sono sotto gli occhi di chi le vive ogni giorno. Profumi, sapori, immagini che Alessandro Magagnini, vulcanico, eclettico, particolarissimo amante del verde, racconta a grandi e bambini facendo degustare le piante e i fiori. Un viaggio pieno di storie, aneddoti e curiosità che lascia senza parole e che ha fatto nascere anche un libro “Il fiore all’occhiello” (Giaconi editore). Un viaggio che ha un forte richiamo alle Marche che Alessandro vive ogni giorno e che racconta attraverso la natura. Se passate da Recanati cercate i fratelli Magagnini, lui vi aspetta in serra!

 

Read more