eventi, MACERATA, Progetti, VIDEO Comments (0) |

Mangia e bevi a Macerata
da oggi a domenica 4 giorni per gustare l’Italia

Immaginate di poter assaggiare vini e piatti di 16 regioni d’Italia, di poter passeggiare nel centro storico di Macerata, entrare in un bar e ristorante dopo l’altro e assaporare l’Italia con i suoi gusti, sapori e tipicità. Vi è venuta l’acquolina in bocca? Nessun problema. L’Italia in un bicchiere, evento targato Mc food & drink parte stasera e animerà la città fino a domenica 17 dicembre.

italiaCome funziona l’evento: 
1. Vieni a Macerata 
2. Vai in centro ed entrate in uno di questi locali (Cabaret, Verde Caffè, Civico 37, Pizzeria Scalette, Porchetteria, Centrale, Bar Firenze, Al Casolare, Quanto Basta, La Taverna, Spulla, Pizzeria del Corso, Doppio Zero Lab, Beer Bang, Vicolonove, Fabric) e prendete una mappa. Scarica qui la mappa. 
3. Fai il primo aperitivo o cena in un locale e costruisci il tuo tour enogastronomico. 
4. Esci  dal primo bar o ristorante e visitane un altro. I locali che aderiscono all’evento sono 16. 
5. Scegli la tua prossima tappa e continua il tour.

Altre informazioni utili: l’evento dura 4 giorni da stasera, 14 dicembre a domenica 17. 
Potete organizzare un aperitivo o una cena. 
Non si paga un carnet fisso, ma c’è libertà di scegliere il locale o il menù in modo da poter costruire un tour in base alle proprie esigenze. 
Prezzi: aperitivo piatto a partire da 5 euro, vini da 2 euro e 50 al calice, cene a partire da 15 euro. 

I bar e i ristoranti aderenti e le regioni:

italiaIl Cabaret proporrà vini e tipicità della regione Marche, il Verde Caffè vi farà assaporare i prodotti campani, il Civico 37 si dedicherà alla Puglia, la Pizzeria Scalette proporrà vini e piatti tipici della Valle d’Aosta, la Porchetteria penserà all’Umbria, il Centrale alla Toscana, il Bar Firenze proporrà vini e piatti della Sicilia, Al Casolare si specializzerà sull’Emilia Romagna, Il Quanto Basta si dedicherà al Trentino, La Taverna al Veneto, Spulla alla Sardegna, la Pizzeria del Corso al Lazio, il Doppio Zero Lab penserà al Piemonte, il Beer Bang all’Abruzzo, il Vicolonove alla Calabria e il Fabric chiude il cerchio con il Friuli Venezia Giulia. 

Scarica qui la mappa. 

L’evento è organizzato dall’assoaciazione Mc food&drink, grazie al lavoro dei gestori dei 16 locali aderenti e agli sponsor che hanno sostenuto l’iniziativa (Recchioni, Ibalt, Vita e Vita a.s.d & Fitness, Oril, Di Andrea Parrucchieri, Agnettiboutique, Edilizia Calvà, Cecarini Viaggi, Snai, Effe Caffè).

 

Read more

Da Serrapetrona a Civitanova
inaugurato sul Corso l’Emporio Quacquarini / VIDEO

quacquarini Vini, dolci, salumi e altre prelibatezze del territorio, Quacquarini apre il suo Emporio a Civitanova su corso Umberto I, in pieno centro.

Un locale progettato e realizzato dallo studio Officina Zero di Porto Sant’Elpidiopensato per dare la possibilità a tutti di assaporare, degustare e acquistare i prodotti che spaziano dal vino ai dolci. Un emporio – ristorante aperto dalla mattina alla sera dove si possono fare acquisti, ma ci si può anche fermare per una piacevole pausa pranzo o per una cena.

Un format nuovo che mette insieme i prodotti di qualità che da sempre sono il punto di forza dell’azienda di Serrapetrona e la convivialità. Nel nuovo ristorante firmato Quacquarini non si potrà solo andare alla ricerca di prodotti del territorio, ma anche assaggiare, seduti a tavola, molte tra le eccellenze marchigiane.

quacquariniTrenta posti circa all’interno e uno spazio all’aperto in un locale accogliente, elegante e arredato con gusto: una vetrina importante in un luogo di prestigio per allargare gli orizzonti.

 

Read more

Tipicità 2018, il crocevia della qualità / VIDEO

Presentazione ufficiale di Tipicità 2018 a Milano, in una sala gremita nella sede dell’ANCI Lombardia.
A condurre l’evento che si è tenuto ieri (4 marzo) il duo Ardemagni-Poli, volti e voci di Rai Caterpillar. Una mattinata intensa, riccca di suggestioni che come accade nella tre giorni di Tipicità coinvolgono i cinque i sensi. Musica con grandi performances eseguite dal vivo e degustazioni di eccellenze del territorio per iniziare col piede giusto il conto alla rovescia verso il 3 marzo, giorno in cui avrà inizio l’edizione del 2018. 

tipicitàTra le dolci colline del Fermano, infatti, dal 3 al 5 marzo come da tradizione va “in onda” la ventiseiesima edizione di Tipicità, organizzata dal Comune di Fermo in collaborazione con la Camera di commercio di Fermo e tanti enti pubblici e partner privati. “Oltre 100 gli eventi in programma e 300 le realtà partecipanti – ha esordito il direttore Angelo Serri – per un Festival che negli anni è diventato un punto di riferimento nazionale, con tante “contaminazioni” internazionali e personaggi noti al grande pubblico”.

tipicitàAnnunciati i primi grandi nomi di Tipicità 2018, tra i quali Emma d’Acquino, conduttrice del TG1-RAI, ed il tristellato chef Enrico Cerea. Non sarà una fiera, ma un articolato sistema comprendente tanti contenitori tematici per immergersi nei “cluster del buon vivere”: qui si ricomincia dalla terra, con un grande giardino delle biodiversità da vivere tra animazioni, laboratori e l’incontro con varietà vegetali in via d’estinzione. Naturalmente il cibo è al centro dell’attenzione, con tante proposte per calarsi nell’incanto della cultura enogastronomica del territorio: Bollicine di Marche, percorso nel quale degustare tutte le espressioni sparkling del “vigneto Marche”; Birra di Marca, che ospita le migliori produzioni di birre artigianali ed agricole; Orizzonte Bio, che mette a contatto il visitatore direttamente con i personaggi, le produzioni ed i terroir della scelta biologica in agricoltura. Il Salone delle qualità enogastronomiche ed il Mercatino delle specialità completano la full immersion tra i cibi locali e si aprono all’incontro con culture italiane ed internazionali: Ai confini del gusto è il contenitore nel quale, ogni anno, realtà estere ed il circuito delle Piccole Italie s’incontrano… nel piatto di Tipicità! In questa edizione ci sarà l’Isola d’Elba, ma anche confronti con Cina, Russia, Emirati Arabi, Stati Uniti, Kazakistan, Moldova ed altri Paesi.
Tuttavia, quel grande contenitore di eventi qual è Tipicità contempla altri numerosi momenti, da vivere: in Accademia, dove si assiste a performance-spettacolo di grandi chef che esaltano il connubio prodotti-territorio, nel Teatro dei Sapori, all’interno del quale sono invece le realtà locali e quelle ospiti a proporre “viaggi del gusto” con presentazioni e degustazioni guidate, mentre a Marche Book Style si esplora il territorio attraverso narrazione e racconto. Inoltre, accanto al cibo, si aprono aree dedicate al “vivere il territorio”, come Tipicità Experience, vero e proprio Grand Tour nelle identità delle Marche, delle “Piccole Italie” e del mondo, insieme ad Art&Genius, expo-laboratorio di manualità, creatività ed innovazione, per ribadire che l’Italia che vince è quella delle sfumature, geniale, creativa ed innamorata del territorio. E la sera, nel suggestivo centro storico di Fermo in un contesto architettonico “da salotto buono”, continua l’esperienza tra cultura, performance e buon cibo, con il programma Tipicità in the city.

Read more

Trippadvisor diventa un libro
La vergara Deborah Iannacci firma il primo tripponario/ VIDEO

trippadvisorSi chiama Deborah Iannacci, con la “i” mi raccomando, per favore non chiedetele di cantare!
Ha 32 anni, un figlio piccolo e un compagno che ironia della trippa ha incontrato proprio grazie a questo progetto nato per caso e in poco tempo diventato un cult.

Chi di voi non segue la pagina facebook trippadvisor?

trippadvisorNelle Marche sono davvero in tanti i sostenitori di questa che oltre ad essere un’idea divertentissima rappresenta anche un contributo importante alla salvaguardia di tradizioni, usi e costumi di questa terra. E, come se non bastasse, oltre ai like sui social che continuano ad aumentare, trippadvisor da ieri non è solo virtuale ma è anche un dizionario tangibile che racchiude parte di tutto quello che Deborah condivide ogni giorno sulla pagina facebook, con tante parole e detti inediti.

Incredibile ma vero, da ieri (giorno della prima presentazione agli Antichi Forni di Macerata), grazie alla casa editrice Giaconi, si può sfogliare il primo tripponario, si possono ricordare le parole dette dai nonni, ci si può divertire leggendo le insolite descrizioni delle frasi più utilizzate nel dialetto marchigiano, vestendo i panni di una vera vergara!

A proposito di questo, chi meglio di Deborah che nel libro riporta anche cinque interviste a delle vergare doc e che per la prima presentazione ha indossato lu zinale, può raccontare che cosa possa significare davvero essere una vergara?

GUARDA ALCUNI MOMENTI DELLA PRESENTAZIONE E LA VIDEO INTERVISTA DI DEBORAH TRIPPA 

 

Read more

Inzio “stellato” per il primo Macerata Beer Fest
lo chef Biagiola propone un aperitivo all’olio nuovo / VIDEO

beer festAl via con un aperitivo stellato offerto dall’associazione Mc Food & Drink e cucinato dallo chef Michele Biagiola. E’ iniziato così il primo Macerata Beer Fest e Halloween Night, evento organizzato da 10 dei 25 locali che fanno parte del gruppo che mette insieme ristoranti e bar nel centro storico di Macerata, con il patrocinio del Comune, in programma fino al 31 ottobre.

Una serata dove hanno partecipato in molti per assaggiare le numerose birre proposte (anche artigianali e senza glutine) e per assaporare le tipicità locali. E per cominciare alla grande un aperitivo all’olio nuovo con polenta e pamigiano, ricottina con corbezzolo e foglie di senape e lenticchie cucinate dallo chef Michele Biagiola presente per dare il via alla festa.

Birre, musica e street food: un connubio perfetto per un evento dedicato ai maceratesi e non che vuole offrire un’opportunità nuova di divertimento. Un evento dedicato non solo ai giovani, ma anche alle famiglie con bambini. Nella tensostruttura montata sulla terrazza dei Popoli, vicino ai Giardini Diaz per l’occasione c’è anche uno spazio dedicato ai piccoli. 

Ricchissimo il programma della seconda giornata di festa. Dalle 18.30 letture per bambini a cura di Giaconi editore, birre e street food e musica dal vivo: questa sera si esibiscono gli Elpris e a seguire Diggei Cameretta! 

Read more

“Solo”, ecco come nasce il gioiello di Daniele Baldoni / VIDEO

solo A Osimo c’è il sole, fa molto caldo, il cielo è limpido. Daniele Baldoni, artista per passione e per professione, è nel suo mondo, quello dove lavora, dove crea ogni volta che ha un’ispirazione e che sente di poter mettere un pezzo di anima in un suo gioiello.

“Solo” un’idea nata in una notte d’inverno, a novembre. Il dente di un lupo unito ad un anello, un ciondolo fatto completamente di bronzo che ogni volta Daniele plasma in un modo unico. solo Un gioiello che, come racconta lui mentre lavora sodo, rappresenta l’io più intimo dell’essere umano, un monile dalla forma astratta e dalla forza evocativa di un amuleto.

Un oggetto senza vita che con tanto impegno e alcune fasi che anche se si ripetono sono sempre diverse, Daniele trasforma in un gioiello che luccica e che emana grandissima forza.

solo

Lo scultore Daniele Baldoni

Mentre crea è concentratissimo, pensa a quello che sta facendo anche se magari nella sua testa, quella prima di tutto di uno scultore, sta già pensando a cosa creare dopo. Parla poco, fa dei gesti che sembrano meccanici e che invece ogni volta sono diversi così come il “Solo” che nasce dopo ore di minuzioso e attento lavoro. Prima prepara il gioiello “grezzo” e poi plasma la materia pensando al collo dove andrà a finire il suo ciondolo, all’abito che arricchirà e alla persona che lo porterà con sé nel suo viaggio.

Una poesia insomma, un modo per far diventare concreta una passione astratta che per Daniele Baldoni è innata. Dopo aver terminato gli studi artigianali, infatti, non può aspettare, sente il bisogno di trasformare i propri pensieri e gli stati d’animo attraverso una mezzo di comunicazione insolito, per pochi: la scultura. Così inizia a creare, a fare mostre, personali e non, a partecipare a progetti e ad emanare la sua “Energia Creativa” in lungo e in largo in Italia. solo I sogni così diventano sempre più reali e con tutta la carica emozionale e di speranza che possono avere, ogni tanto si scontrano con la vita di tutti i giorni che, soprattutto quella di un artista nell’era moderna, è fatta di tanto sacrificio e pazienza per andare avanti e arrivare forse e dopo del tempo indefinito, a raggiungere un obiettivo e magari alla meta prefissata.

Daniele mentre lavora sottolinea più volte che non è facile creare qualcosa, non è facile trasmettere quello che si ha dentro. E lo dice mostrando tante delle sue opere, tanto di quello che ha realizzato nel tempo e che, quando non è parte di una mostra, riposa nel suo laboratorio sotto casa dove lui passa la maggior parte del tempo libero e non. Non è facile. Effettivamente è complicato spiegare quello che si ha dentro con una scultura però questo come l’impegno e la dedizione che Daniele trasmette quando è nel suo mondo, forse dimostra davvero che tutto è possibile!

solo

solo

Read more

Energie Creative in tour, al via da Castelbellino

Inagurata la mostra di Energie Creative protagonista alla 27esima edizione di Castelbellino Arte, evento organizzato nel piccolo centro in provincia di Ancona. L’esposizione, espressione del progetto pensato dall’architetto Valentina Battilà e reso possibile grazie a Giaconi Editore, presenta le opere di oltre 30 artisti marchigiani cuciti insieme da un romanzo – catalogo davvero originale. La mostra. organizzata nelle sale del museo Civico di Villa Coppetti, presenta anche un’area dedicata ad una personale di Francesco Ulissi e sarà aperta al pubblico fino al 23 luglio.

Read more

Roccafluvione e Gualdo insieme per un week end creativo/VIDEO

Sorrisi e momenti da ricordare nel weekend dedicato alla Festa della Creatività organizzata tra Roccafluvione, comune in provincia di Ascoli e Gualdo di Macerata. Due giorni di incontri, dibattiti, laboratori e spettacoli per stare insieme e ricostruire comunità e territori.

Read more

Terremoto
Rumiz “Se perdiamo l’Appennino perdiamo noi stessi”

terremoto Paolo Rumiz, giornalista e scrittore italiano, al Salone Internazionale del libro di Torino parla del terremoto che ha colpito il centro Italia e le Marche. “Queste terre sono il nostro centro, sono il nostro cuore, sono la nostra identità. Questo senso forte di essere sulla spina dorsale del centro del Mediterraneo mi ha folgorato. Una terra, le Marche dove il bello, il sublime e nello stesso tempo il terribile, questa terra che ci scuote sotto, questa coesistenza è assolutamente impressionante. Arrivare a Castelluccio, in quella bellezza sublime e vedere i segni della distruzione è una cosa che fa impazzire. Se perdiamo l’Appennino, abbiamo perso noi stessi”.

Read more

Scelti per voi, VIDEO Comments (0) |

Le Marche al Salone del libro di Torino
Segui la diretta

Entra nell’articolo e segui in diretta gli incontri organizzati nello stand della Regione Marche.

Read more